Vai al contenuto

Terremoti che hanno scosso l’Italia

Scritto da:

Valentina

Diversi terremoti hanno scosso l’Italia nel corso della sua storia e molti di essi hanno colpito notevolmente questa nazione negli ultimi 100 anni; scopri durante la lettura di questo post tutto ciò che riguarda questo argomento.

Perché l’Italia è una regione soggetta a terremoti?

Studi scientifici hanno permesso di documentare l’incidenza dei terremoti nel territorio italiano; molti dei quali possono essere considerati tra i più catastrofici al mondo,

Ad esempio, quella avvenuta nell’anno 1908 provocò la morte di almeno 70.000 persone con una scossa di magnitudo 7,2 che praticamente devastò la città di Messina in Sicilia; associato a questo evento è stato uno tsunami.

È stato determinato che l’incidenza dei terremoti in Italia è correlata alla collisione di placche tettoniche che fanno parte dell’Africa e della regione eurasiatica.

Ma questo va oltre; perché subiscono spostamenti causati dal movimento di tiro alla fune che è conseguenza dell’apertura tra il Mar Tirreno e le terre continentali della Sardegna e della Corsica.

Infatti, le analisi effettuate confermano che questa è originata anche dalla separazione evidenziata tra gli Appennini e la fascia montuosa che costeggia l’Italia.

Mentre d’altra parte verso la parte orientale del Paese a livello dell’Adriatico, è stata trovata evidenza che lo strato di terra sotto l’Italia continua a muoversi, una regione che a sua volta subisce uno spostamento verso nord-est.

Terremoti che hanno scosso l’Italia

Sono diversi gli episodi sismici vissuti nel territorio italiano; quindi citeremo alcuni dei più catastrofici nel corso degli anni:

  • Terremoto in Calabria che colpì la parte centrale di questa regione e si verificò l’8 settembre 1905 con magnitudo 7.2 e un bilancio di 557 morti.
  • Il terremoto di Avezzano si verificò il 13 gennaio 1917, di magnitudo 6,7 della scala Richter e causò la morte di 32.600 persone.
  • Il terremoto in Irpinia, avvenuto il 23 luglio 1930, causò 1.400 morti e la sua magnitudo era di 6,4 gradi della scala Richter.
  • Terremoto del Friuli, che il 6 maggio 1976 scosse la terra di magnitudo 6,5 provocando la morte di almeno 976 persone, con un bilancio di 70.000 edifici distrutti.
  • Terremoto in Irpinia, il 23 novembre 1980, ancora una volta l’Irpinia viene colpita da un terremoto di magnitudo 6,5 che provoca 7.500 feriti e 2.735 morti.
  • Terremoto di Assisi, città che ha subito due terremoti il ​​26 settembre 1997, il più grande dei quali di magnitudo 6 e che ha provocato 11 morti e gravi danni alla struttura della Basilica di San Francisco de Asís.
  • Terremoto di Campobasso, di magnitudo 5,9, verificatosi il 31 ottobre 2002, che ha provocato la morte di 30 persone, la maggior parte dei quali bambini residenti nella regione di San Giuliano di Puglia.
  • Terremoto in Abruzzo, verificatosi il 6 aprile 2009, provocando la morte di 300 persone e di magnitudo 6,6.
  • Terremoto di Modena, verificatosi il 29 maggio 2012 di magnitudo 5.8, provocando un totale di 16 morti e 350 feriti; nonostante 10 giorni prima ci fosse stato un altro movimento tellurico con un saldo di 10 morti.
  • Terremoto nel centro Italia, registrato il 24 agosto 2016, che ha colpito le province di Rieti, Perugia e Ascoli Piceno di magnitudo 6,2 seguito da diverse scosse di assestamento di minore entità, provocando un elevato numero di morti, feriti, scomparsi e consistente materiale perdite.
    I danni causati da quest’ultimo terremoto sono ancora in riparazione da parte di un Commissario per la ricotruzione.

Come avrete visto, l’Italia è stata vittima di vari terremoti nel corso della storia, a causa della sua posizione geografica, oltre ad altri fattori che abbiamo menzionato in precedenza in questo post.

Di conseguenza, per gli abitanti e i visitatori di questo Paese sarà di grande aiuto conoscere le misure preventive per sapere come agire in caso di terremoto, già disponibili sul nostro blog, in modo che possano essere al sicuro e aiutare qualsiasi altra persona che potrebbero aver bisogno di aiuto fino all’arrivo delle autorità competenti. Vi invitiamo a leggerlo.

Articolo precedente

Misure preventive contro un terremoto

Articolo successivo

Cosa sono le costruzioni antisismiche?

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.