ti trovi in Home » Informare » Archivio notizie » Terremoto: Sge, in pagamento spettanze alberghi


Terremoto: Sge, in pagamento spettanze alberghi

  • Cittadini
  • Enti
  • Imprese
  • Giornalisti
di Redazione - 11/10/2010

L’attività commissariale procede in questi giorni a ritmo serrato per garantire il pagamento delle spettanze arretrate alle strutture alberghiere che ospitano la popolazione assistita. E’ utile ricordare ai cittadini, alle associazioni e agli albergatori, che a fronte di 9.860 fatture presentate sono già stati emessi circa 10mila mandati di pagamento e che finora sono stati già pagati 212 milioni e 190mila euro rispetto ai 294 milioni fatturati. La struttura Gestione Emergenza (Sge) ha inoltre un dialogo costante con le associazioni di categoria e gli impegni presi sono stati finora pienamente onorati. A fronte delle polemiche montate in questi giorni e all’ennesima minaccia di tagli ai servizi per i cittadini da parte degli associati di Federalberghi L’Aquila, è utile evidenziare che solo per gli albergatori della Provincia dell’Aquila sono stati predisposti due mesi di pagamento anticipato rispetto agli altri albergatori abruzzesi. Infatti, oltre ad avere ricevuto l’anticipazione del 75% per il mese di Gennaio entro la settimana riceveranno anche le spettanze di Febbraio, perché proprio in questi giorni il Commissario delegato e Presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, sta firmando i relativi mandati di pagamento. Inoltre, come stabilito dall’ultima ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri, sono in fase di trasferimento i fondi per saldare tutti gli arretrati dell’emergenza, comprese le spettanze degli alberghi, che saranno velocemente rimborsati di quanto dovuto, rispettando i dovuti tempi tecnici necessari per lo svolgimento degli adempimenti e dei controlli da parte della Guardia di Finanza. “Bisogna lavorare insieme e restare uniti, per raggiungere in tempi rapidi i migliori risultati possibili. Le polemiche inutili e strumentali, possono solo rallentare il difficile compito che stiamo portando avanti” è l’invito rivolto dal Commissario Chiodi a tutti i cittadini, gli operatori e le associazioni di categoria.