ti trovi in Home » Informare » Archivio notizie » Scuole d’Abruzzo: Chi…ivi degli interventi


Scuole d’Abruzzo: Chiodi, garantiti i migliori standard qualitativi degli interventi

  • Cittadini
  • Enti
  • Giornalisti
di Redazione - 12/10/2011

Oggi  la firma dei protocolli d’intesa con le organizzazioni partner

ReLuiss e il Dipartimento di Geotecnologie dell’Università "G. D'Annunzio" garantiscono la sicurezza sismica, l'UNICEF i diritti dell'infanzia, la FISH l'abbattimento delle barriere architettoniche, la SIP la salute dei bambini e il WWF l'ecosostenibilità degli interventi. Per presentare il grande lavoro svolto da queste organizzazioni il Commissario delegato per la Ricostruzione, Gianni Chiodi, firmerà oggi, alle ore 16.00 a Roma, presso la sala Verde di palazzo Chigi, le convenzioni  alla presenza del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta, e della direttrice dell’Ufficio Scolastico regionale, Giovanna Boda.

I protocolli d’intesa sono preliminari rispetto alla redazione dei progetti per gli interventi previsti dal piano "Scuole d'Abruzzo - il futuro in sicurezza". Il piano straordinario per la messa in sicurezza e la ricostruzione degli edifici scolastici della Regione Abruzzo prevede un imponente investimento di 221 MLN per mettere in sicurezza 213 scuole in 102 Comuni. Grazie all’importante lavoro svolto dalle organizzazioni partner di “Scuole d’Abruzzo”, gli edifici saranno messi in sicurezza o ricostruiti rispettando i migliori standard qualitativi. I protocolli d’intesa sono finalizzati a garantire la qualità delle opere. Per questo i soggetti attuatori dovranno recepire le indicazioni descritte e i progetti dovranno rispettare le linee guida in essi contenuti.

Parteciperanno, oltre al Commissario Chiodi, i Sindaci dei Comuni e i Presidenti delle Province proprietari degli immobili, i Presidenti di ReLuis, Dipartimento di Geotecnologie per l'ambiente ed il territorio dell’Università "G. D'Annunzio", UNICEF, FISH (Federazione italiana per il superamento dell’handicap), SIP (Società italiana di pediatria) e WWF. La stampa è invitata a partecipare.