ti trovi in Home » Informare » Archivio notizie » Il Governo presenta l…dopo-sisma in Abruzzo


Il Governo presenta lo Stato di avanzamento delle Misure urgenti per la semplificazione, il rigore e il superamento dell’emergenza del dopo-sisma in Abruzzo

  • Cittadini
  • Enti
  • Imprese
  • Tecnici
  • Giornalisti
di Redazione - 12/06/2012

–  Il Ministro per la Coesione territoriale Fabrizio Barca - assieme al Presidente della Regione Abruzzo e Commissario delegato per la Ricostruzione Gianni Chiodi, al Presidente della Provincia de L’Aquila Antonio Del Corvo, al Sindaco de L’Aquila Massimo Cialente, al Coordinatore dei Sindaci delle Aree omogenee Emilio Nusca, al Prefetto de L’Aquila Giovanna Maria Iurato e al Direttore regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Abruzzo Fabrizio Magani - ha presentato oggi a L’Aquila lo Stato di attuazione delle misure urgenti per la semplificazione, il rigore, e il superamento dell’emergenza determinatasi nella Regione Abruzzo a seguito del sisma del 6 aprile 2009 e, in particolare, dell’Ordinanza n. 4013/2012 (link - scarica l'OPCM 4013/2012 ).

Nei primi cinque mesi del 2012, L’Aquila ha assistito all’apertura di 621 nuovi cantieri per edifici privati “E” (gravi danni strutturali), con un raddoppio rispetto al periodo agosto-dicembre 2011. In accelerazione sempre a L’Aquila il numero delle domande di contributo per la ricostruzione degli edifici privati con gravi danni strutturali (“E”) approvate dalla Filiera (+ 144% rispetto agli ultimi cinque mesi del 2011, con 3.108 pratiche “esitate”) e l’importo dei contributi conseguentemente concessi dal Comune, che ha raggiunto 855 milioni di euro, di cui più della metà solo nei primi cinque mesi dell’anno.  
Per gli altri Comuni del Cratere: 108 pratiche “E” approvate sulle 390 ricevute, per i 29 Comuni che si avvalgono della Filiera; stima di 175 approvate per gli altri 27 Comuni, in presenza di informazioni non ancora complete. Per ottenere informazioni sullo stato delle proprie pratiche, i cittadini possono ora avvalersi di nuovi servizi: un Ufficio relazioni con il pubblico; un numero verde; l’accesso alla Banca Dati Fintecna (sui contributi alla ricostruzione) sul sito istituzionale del Commissario delegato per la ricostruzione, e alla Banca Dati dell’Emergenza (su tutte le provvidenze per l’assistenza alla popolazione) sul sito del Comune de L’Aquila.

Cresce il dato sulla rimozione delle macerie pubbliche: 98 mila le tonnellate prelevate da gennaio, con un raddoppio rispetto agli ultimi 5 mesi dello scorso anno, e l’introduzione a giorni di un sistema di tracciabilità dei rifiuti.Incentivati (con sanzioni) avvio e conclusione dei cantieri, ridotti i compensi degli amministratori di condominio, resa più competitiva la selezione di progettisti e imprese. 
Per quanto riguarda le white list – le liste certificate istituite per prevenire le infiltrazioni criminali e garantire l’affidabilità professionale delle imprese che vogliono proporsi per l’attività di ricostruzione – al 6 giugno, erano 235 le richieste di iscrizione pervenute.

È alla firma il Decreto ministeriale dello Sviluppo Economico e del Ministero dell’Economia e delle Finanze che attiverà nuovi incentivi alle piccole e micro imprese de L’Aquila per circa 90 milioni di euro sotto forma di agevolazioni fiscali e contributive, con una riserva del 10% per il centro storico e del 20% per le nuove imprese.  

Per maggiori dettagli scarica l'allegato